Cosa si nasconde dietro la riforma Gelmini?

Pacifismo, nonviolenza, antirazzismo, multiculturalità, diritti glbt...
Cosa si nasconde dietro la riforma Gelmini? - venerdì 3 dicembre 2010, 17:53 da nerocristallo
Lo show mediatico della "riforma" doveva in realtà servire a coprire il passaggio di beni demaniali dello Stato alle Università, un passaggio che era stato già prospettato nell'articolo 16 comma 2 del Decreto Tremonti, divenuto la Legge 133/2008, la stessa Legge che poneva le condizioni per la privatizzazione dell'acqua e dei patrimoni immobiliari delle aziende idriche. http://www.camera.it/parlam/leggi/08133l.htm
In una lettera a Micromega-online del 26 novembre, un ricercatore dell'Università di Roma Tor Vergata poneva il problema con molta incisività, rilevando che il trasferimento alle Università dei beni demaniali attualmente in loro uso, comporterebbe anche il passaggio di proprietà di vasti terreni edificabili, con tutte le relative opportunità di speculazione edilizia, che costituiscono un obiettivo che unifica le aspirazioni sia dei gruppi affaristici legati al governo che di quelli legati all'opposizione, il che spiegherebbe il silenzio-assenso tenuto sinora dal PD sulla questione. Nel momento in cui le Università diventassero a tutti gli effetti Fondazioni a diritto privato, come prevede la Legge 133/2008 voluta da Tremonti, di questi terreni edificabili i Rettori ed i loro soci privati potrebbero fare quello che più gli aggrada, senza dover rispondere alla Corte dei Conti; perciò si spiega anche il caloroso sostegno dei Rettori e della Confindustria alla Gelmini. Si tratterebbe in definitiva di privatizzazioni mascherate, ottenute, come sempre, dai confindustriali senza sborsare un soldo di loro. Il saccheggio dei patrimoni immobiliari pubblici costituisce il denominatore comune alla base di quasi tutte le attuali "riforme", nelle quali il più gretto latrocinio viene camuffato con slogan idealistici ed "epocali", in conformità alle tecniche di pubbliche relazioni messe a punto trenta anni fa dai Neocon statunitensi.
http://temi.repubblica.it/micromega-onl ... llo-stato/

sopra uno stralcio dell'articolo che potete leggere per intero qui
"La libertà non è una cosa che si possa dare;la libertà,uno se la prende,e ciascuno è libero quanto vuole esserlo"
James Mark Baldwin

Immagine
Avatar utente
nerocristallo
utente senior
 
Msg.: 919
Iscritto il: sabato 11 ottobre 2008, 14:01

Torna a Liberazione umana

Chi c’è in linea
Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite
cron