Come si fa a leggere - Piccola guida personale

Discussioni su libri, artisti, brani musicali, film, ...

Moderatore: jennifer89

Come si fa a leggere - Piccola guida personale - giovedì 15 marzo 2012, 16:51 da marzian
Una questione che mi ha sempre affascinato è quella di come approciarsi al processo della lettura. Condivido di seguito il metodo che sto attualmente seguendo (basato soprattutto su questa superba serie di articoli: http://www.alljapaneseallthetime.com/bl ... -it-part-1), che a dire il vero fa parte di un mio più ampio processo di de-scolarizzazione individuale (http://www.preservenet.com/theory/Illic ... intro.html), in cui sto cercando di liberarmi dai condizionamenti psico-culturali che vengono dal sistema scolastico. Spero possa interessare, e mi farà piacere leggere eventuali commenti!

FASE 1 - RELAX, PLEASE: LEGGERE E' UNA SCELTA COME ALTRE

- Anzitutto, esistono molte forme di cultura al di fuori di quella letteraria, ed è comunque possibile essere persone buone e felici - nonchè trarre emozioni, stimoli intellettuali ed informazioni - basandosi su moltissimi altri aspetti dell'esistenza al di fuori della parola scritta, ossia senza leggere nulla.

- Anzichè stare sempre a leggere cose nuove, possiamo aumentare quello che memorizziamo: viewtopic.php?f=45&t=14615

- In ogni caso, leggere rientra tra gli aspetti "Yin" della vita (è una forma di input passivo), che (almeno secondo alcune filosofie!) andrebbe equalmente bilanciato con impegni attivi di produzione e condivisione.

- Per altro, lo stress accomodativo dei lavori a corta distanza è uno dei fattori di rischio per i difetti refrattivi (http://www.myopia-manual.de/), quindi è un'ottima idea bilanciare anche il momento stesso della lettura con momenti in cui si fa spaziare lo sguardo a lunghe distanze.

- Nell'ambito delle forme di scrittura, una volta finita la scuola coercitiva statale, nessuno ci obbliga a leggere LIBRI: c'è un universo meraviglioso di fumetti, riviste, siti/blog, lyrics musicali, post dei forum etc. Anzi, esiste tutta una letteratura a sostegno dell'idea che letture più "semplici" siano conduttive ad altre più complesse: http://www.sdkrashen.com/articles/comicbook/index.html
http://www.telegraph.co.uk/culture/3654 ... -read.html

FASE 2 - REPERIRE LIBRI SENZA SCUCIR DENARO, O QUASI

- Torrent e siti di sharing in generale. A volte basta andare su Google, scrivere il titolo dell'opera e aggiungere "PDF" alla fine. Approposito, qualora si apprezzino i testi digitali, può essere utile l'acquisito di un e-reader. Personalmente utilizzo felicemente un tablet Archos Internet Tablet 101 (http://www.archos.com/products/ta/archo ... ml?lang=en), con il programma Perfect Viewer.

- Scribd (http://www.scribd.com/)

- Prestiti da biblioteche o amici

- Testi usati da ComproVendoLibri (http://www.comprovendolibri.it/), Abe Books (http://www.abebooks.co.uk/) o Anobii (http://www.anobii.com/home). Su quest'ultimo sono possibili anche scambio.

- Spedizioni gratuite da Book Depository (http://www.bookdepository.co.uk/) o l'abbonamento Amazon Prime (viewtopic.php?f=14&t=14569)

- Venditori con i prezzi più bassi su Book Finder: http://www.bookfinder.com/

FASE 3 - COSA LEGGERE

- Prima di tutto, fare pulizia. E' molto facile ritrovarsi con decine o centinaia di testi che non ci interessano veramente ("DOVREI leggerlo...") che ovviamente servono solo ad occupare spazio o a ledere alla nostra auto-stima per non averli letti. Soluzioni: regalarli (ad amici o biblioteche) oppure venderli mediante siti come quelli citati prima.

- Tenere solo ed esclusivamente quei testi che vogliamo veramente leggere, ossia pensiamo realmente possano trasmetterci qualcosa di utile/piacevole.

FASE 4 - COME LEGGERE

- Dopo aver dedicato una certa quantità di tempo allo studio del Photoreading e della Lettura Veloce, la mia idea è che non ne valga la pena rispetto alla curva di apprendimento che hanno queste tecniche. Piuttosto:

- Lo stile di lettura (così come la velocità di lettura) va rapportato al tipo di materiale e alla familiarità con i contenuti. La regola fondamentale, l'alfa e l'omega del metodo, è saltare MOLTO più di quello che si legge, dato che solo una piccola minoranza delle pagine di un testo (Principio di Pareto: viewtopic.php?f=45&t=14624) determinerà il valore informativo e di intrattenimento dell'intero volume.

- In molti casi sarà più che sufficiente una "overview": leggere titoli, sottotitoli, parole/frasi scritte in grassetto, tabelle e grafici.

- La maggior parte delle volte, basta leggere la prima e al massimo l'ultima frase di ogni paragrafo o di ogni pagina, soffermandosi poi sui punti che veramente ci attirano.

- In alcuni casi (articoli brevi, interviste, autori di cui vogliamo acquisire lo stile di scrittura, ragionamenti complessi da seguire) può effettivamente aiutare una lettura totale, ma è probabile che siano mosche bianche.

- Sì, anche per la narrativa!

- In ogni caso, se inizio un libro nulla al mondo mi obbliga a "finirlo" e posso leggere contemporaneamente anche decine di volumi (sebbe e a volte preferisca concentrarmi su uno solo). Oserei dire che la lettura possa essere fondamentalmente un processo di feroce scrematura che ci permette di scegliere gli autori/volumi che vogliamo veramente approfondire.

- Sottolineare con matita/penna solo ed esclusivamente concetti/passaggi veramente essenziali, oppure fare delle pieghe sui margini di poche pagine selezionate. ("rovinare" i libri in questo modo può essere anche un buon esercizio per distaccarsi dal valore materiale delle cose). Se abbiamo la fortuna di ricevere libri già sottolineati, se ne può approfittare leggendo solo quelle parti!

- Non c'è alcuna ragione al mondo per cui ci si dovrebbe sforzare di leggere per periodi prolungati di tempo. A volte possiamo decidere un piccolo numero di "pagine" (virgolette perchè in realtà sono frasi di pagine), oppure un "time-box" di alcuni minuti, oppure - se lo desideriamo - arrivare fino alla fine di un capitolo o di un intero volume.

Con un metodo che sia bene o male basato su questi principi è possibile leggere svariati libri a settimana. Aggiungo solo che personalmente mi trovo così bene che non mi passa neanche per l'anticamera per cervello di tornare agli stili del sistema scolastico!

Immagine
Avatar utente
marzian
utente senior
 
Msg.: 241
Iscritto il: venerdì 29 gennaio 2010, 17:16
Località: Venezia

Torna a ...leggendo, ascoltando e guardando

Chi c’è in linea
Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite