Il thread delle citazioni

Discussioni su libri, artisti, brani musicali, film, ...

Moderatore: jennifer89

Il thread delle citazioni - mercoledì 23 maggio 2012, 19:24 da marzian
Ciao,
Non saprei se è già stato fatto in passato, ma pensavo si potrebbe tenere un thread dove postare citazioni che troviamo e ci piacciono. Inizio io, con un giornalista italiano cui sono molto affezionato:

Tutti i viventi hanno diritto alla vita e al rifiuto del dolore (Fulvio Grimaldi)

Ero a Favignana per il TG3 e non ci sono tornato perché avevano promesso che me l’avrebbero fatta pagare. I pescatori di tonno. Era la mattanza. Una mattanza-varietà-folklore, poiché il tonno ora lo scandagliano, rastrellano con le reti e fulminano. Uno show-mattanza per famigliole festanti accorse su barche a pagamento. Dal tunnel, in lotta forsennata per la libertà, i tonni finivano nella “camera della morte”, una vasca di tela in superficie. In bella vista per l'arena di 180 gradi. Energumeni a grande torso nudo facevano precipitare mazze e artigli acuminati su corpi scintillanti che si dibattevano e, squartati, allagavano il mare di sangue. Si dibattevano per tempi straziantemente lunghi e mai avevo conosciuto una tale forza nella disperazione. Gli uomini in alto urlavano borborigmi antichi, infierivano nel rossore dell’ eccitazione. Il loro era orgasmo da vita che succhia morte per rigurgitarla. Quello degli spettatori, masturbazione. Filmato l'orrendo scempio, scesi in un angolo della “camera della morte” dove, lacerati, ancora ansavano e vibravano i tonni. Ne accarezzai uno. Tutti i viventi hanno diritto alla vita e al rifiuto del dolore. I giustizieri se ne adombrarono, di quel gesto di pietà per la preda cannibalica.

Fulvio Grimaldi, Al Guadalquivir delle stelle, http://fulviogrimaldi.blogspot.it/2011/ ... telle.html
Avatar utente
marzian
utente senior
 
Msg.: 241
Iscritto il: venerdì 29 gennaio 2010, 17:16
Località: Venezia

Re: Il thread delle citazioni - giovedì 21 giugno 2012, 19:31 da derin
Molto forte, incredibilmente vicino - J.S. Foer

Da bambina la mia vità era una musica che suonava sempre più forte. Tutto mi emozionava. Un cane che seguiva uno sconosciuto. Era una sensazione così intensa. Un calendario aperto sul mese sbagliato. Avrei potuto piangerci sopra. E piangevo. Quando finiva il fumo di un camino. Il modo in cui una bottiglia rovesciata si appoggiava sull’orlo della tavola.
Ho passato la mia vita imparando a sentire di meno.
Sento di meno ogni giorno.
[...] Non ci si può difendere dalla tristezza senza difendersi dalla felicità.
Who can tell me the colour of the rain?
Avatar utente
derin
utente senior
 
Msg.: 259
Iscritto il: giovedì 29 aprile 2010, 19:25
Località: Cagliari


Torna a ...leggendo, ascoltando e guardando

Chi c’è in linea
Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite