Considerazioni su "Liberazione animale" di P.Singer

Teoria e pratica antispecista, società ed antispecismo, filosofia e politica antispecista

Moderatore: Adriano

La tesi principale del filosofo si basa sull'idea secondo la quale le condizioni negative in cui sono stati e vengono detenuti gli animali non umani e i dolori ad essi inflitti dipendono dal pregiudizio specista che ha impedito di dare uguale considerazione ai loro interessi. Non può esistere una scala di valore tra le specie allo stesso modo di come non ne può esistere una per le razze umane.
Una scala di valore Singer la concepisce soltanto per quel che riguarda le caratteristiche possedute da un singolo individuo animale. Sono queste a dover essere tutelate e ,in caso di conflitto di sopravvivenza, è necessario fare delle considerazioni di valore che porteranno a delle scelte quali il salvare un umano sano al posto di un topo sano e salvare un topo sano al posto di un umano con irrimediabili danni cerebrali.

Ora la questione su cui riflettevo è che non mi sembra che sia necessario il pregiudizio specista per infliggere sofferenze più o meno elevate agli animali non umani perchè queste potrebbero essere motivate semplicemente dal conflitto di sopravvivenza sopracitato. D'altronde lo stesso Singer riconosce che potrebbe essere necessario,ad esempio,sperimentare sui topi in assenza di qualunque alternativa,nonostante puntualizzi che se ci fosse vera attenzione per gli interessi dei non umani tali condizioni limite sarebbero molto più rare di quel che si crede.

Quindi secondo me le condizioni in cui storicamente sono stati posti i non umani dagli umani non dipendono necessariamente dal pregiudizio specista. In condizioni come quelle dei nomadi ebrei ,ad esempio, dove poteva essere necessaria per la dieta un'integrazione con alimenti di origine animale,l'allevamento poteva essere giustificato dalla scala di valore degli interessi: gli interessi di quegli umani potevano sopravvivere solo se venivano minati quelli di alcuni non umani.

Voglio dire insomma che non è detto che all'origine dello sfruttamento animale ci sia stato sempre lo specismo quanto piuttosto condizioni tragiche dell'esistenza per far fronte alle quali non si è riuscito a trovare altri mezzi che questo sfruttamento,posto che sono fermamente convinto con Singer che sarebbe stato molto minore o nullo se ci fosse stata reale considerazione per i non umani.

Che ne pensate?

p.s: per curiosità,c'è qualcuno nel forum che segue o ha seguito filosofia come corso di laurea o è semplicemente appassionato di questa disciplina?
Attrito.com:giornale on-line di riflessione e informazione critica
-------
"Che cos'è un cuore misericordioso?
E' l'incendio del cuore per ogni creatura:per gli uomini,per gli uccelli,per le bestie e per tutto ciò che esiste.Al loro ricordo e alla loro vista,gli occhi versano lacrime,per la violenza della misericordia che stringe il suo cuore a motivo della grande compassione.
Il cuore si scioglie e non può sopportare di udire o vedere un danno o una piccola sofferenza di qualche creatura
."
Isacco di Ninive
Avatar utente
Canaan
utente senior
 
Msg.: 208
Iscritto il: sabato 3 ottobre 2009, 17:35
Località: Palermo

Re: Considerazioni su "Liberazione animale" di P.Singer - mercoledì 17 agosto 2011, 11:19 da telin
Ciao!

Secondo me la questione è circolare come ogni fenomeno sociale.
Non credo si possa parlare di una origine pregiudiziale specista alla base dello sfruttamento, almeno, ciò che sappiamo ci dice che non è così.
La predazione da parte degli umani di altre creature animali, pare avere inizio con lo sviluppo di immaginazione religiosa, rafforzato da necessità storiche, insomma, un percorso tortuoso e non lineare.
Lo specismo, quell'articolato schema piramidale che rappresenta il simbolo della schiavitù in ogni sua forma, è un paradigma ormai assodato per giustificare e propagare, perpetuare questo sistema fatto di dominio di uno su molti - umano su umani, umano su animali, uomo su donne e così via -, ma non è che un giorno è nato il paradigma e allora poi sono stati schiavizzati quelli considerati "animali".

Io ho letto poco di singer. Faccio fatica a leggere testi strettamente animalisti (non so perchè!!), di sicuro il poco che ho letto l'ho trovato per così direi "propedeutico", non affinato rispetto ad altro che ho letto sullo specismo e l'antispecismo.
Dal mio punto di vista, il paradigma razzista che si basa sulla discriminazione razziale ad esempio E' SEMPRE specismo. Per essere più chiari: tra razzismo e specismo non c'è similitudine ("come") bensì corrispondenza perfetta. Sono uno solo.
Telina

"...per quanto debole possa essere l'influenza della mia voce negli affari pubblici, il diritto di votare su di essi è sufficiente ad impormi il dovere di istruirmi in materia." J. J. Russeau.
http://www.antispecismo.net
Avatar utente
telin
utente senior
 
Msg.: 1380
Iscritto il: venerdì 18 maggio 2007, 23:27
Località: Marina di Carrara

telin ha scritto:Ciao!
Dal mio punto di vista, il paradigma razzista che si basa sulla discriminazione razziale ad esempio E' SEMPRE specismo. Per essere più chiari: tra razzismo e specismo non c'è similitudine ("come") bensì corrispondenza perfetta. Sono uno solo.


Sono uno solo se usi la categoria "Animali" per riferirti a umani e non umani,raggruppandoli nello stesso insieme,ma per quanto riguarda razzismo e specismo storicamente si è fatto uso della separazione tra la categoria umani e la categoria non umani,non considerati facenti parte dello stesso insieme.
Attrito.com:giornale on-line di riflessione e informazione critica
-------
"Che cos'è un cuore misericordioso?
E' l'incendio del cuore per ogni creatura:per gli uomini,per gli uccelli,per le bestie e per tutto ciò che esiste.Al loro ricordo e alla loro vista,gli occhi versano lacrime,per la violenza della misericordia che stringe il suo cuore a motivo della grande compassione.
Il cuore si scioglie e non può sopportare di udire o vedere un danno o una piccola sofferenza di qualche creatura
."
Isacco di Ninive
Avatar utente
Canaan
utente senior
 
Msg.: 208
Iscritto il: sabato 3 ottobre 2009, 17:35
Località: Palermo


Torna a Antispecismo

Chi c’è in linea
Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti