Nuovo documentario - Carne da macello o animali da salvare?

Video animalisti, vegani, antispecisti

Moderatore: Adriano

NUOVO DOCUMENTARIO - CARNE DA MACELLO O ANIMALI DA SALVARE?

Utile per conferenze o banchetti informativi sul veganismo.

Abbiamo il piacere di annunciare la disponibilità di un nuovo
documentario a cura di AgireOra Edizioni:

Documentario: Carne da macello - O animali da salvare?
Vita e morte degli animali negli allevamenti europei.

Disponibile per la visione on-line:
http://www.tvanimalista.info/video/alle ... a-macello/

o su dvd:
http://www.agireoraedizioni.org/catalog ... e-macello/


In questo documentario non si vuole raccontare di particolari violenze e
maltrattamenti compiuti di proposito sugli animali d'allevamento, che a
volte si vedono in alcuni filmati americani, e che pure accadono, in
tutte le nazioni del mondo, Italia compresa. Anche se fossero eliminati
quelli, non cambierebbe nulla della condizione degli animali.

Quello che il documentario mostra e' invece la realta' di tutti i
giorni, le "normali" condizioni di sofferenza in cui sono tenuti tutti
gli animali, trattati come cose e non come esseri senzienti quali sono,
per mostrare che non possono esistere allevamenti e macelli che non
facciano del male.

La realta', per gli animali d'allevamento, e' fatta solo di sofferenza e
morte. Ed e' questa realta' che il documentario fa vedere, grazie a
video ottenuti tramite investigazioni (segrete o alla luce del sole) in
allevamenti e macelli di vari paesi europei: Italia, Spagna, Regno
Unito, ecc.

Si tratta di un documentario decisamente duro, come dura e' la vita e
atroce la morte degli animali d'allevamento.

Il messaggio che intende dare e' che tutta questa sofferenza e morte non
sono necessarie, e sono del tutto evitabili.
Nulla di tutto questo ci serve per vivere, quindi e' violenza gratuita.
Non c'e' nulla di normale e naturale nella violenza che ogni giorno
viene inflitta agli animali, non per cattiveria esplicita, ma solo
perche' li si tratta come cose.

Il video spiega anche che non esistono allevamenti "umani", anche nei
pochi allevamenti biologici gli animali vengono infine condotti al
macello, e i figli vengono tolti alle madri per essere uccisi, non
cambia nulla, ogni genere di allevamento implica la morte degli animali
allevati.

La conclusione finale, l'invito che il documentario porge al pubblico
e': se ami gli animali, smetti di mangiarli; gli animali sono tutti
uguali. Se non ami particolarmente gli animali, ma rispetti il dirittto
alla vita e alla non sofferenza di tutti, smetti di mangiarli: non serve
amare per evitare di uccidere, serve solo senso di giustizia, rispetto e
comprensione per i sentimenti e le emozioni degli altri. Tutti gli
altri, qualsiasi sia la loro specie.

"Carne da macello" e' un video che tutti coloro che ancora mangiano
carne, pesce, e altri prodotti animali, dovrebbero vedere, per capire da
dove viene il "prodotto" che mangiano. Perche' non e' colpa degli
allevatori, ma dipende da noi: tutto questo avviene perche' vogliamo
nutrirci, ogni giorno, dei corpi di animali uccisi. Sta a noi scegliere
di farne a meno, e questo video spiega perche'.

E' un video adatto alle proiezioni in strada, perche' abbastanza forte
da colpire il pubblico distratto, ma anche adatto a una proiezione
organizzata in una sala, naturalmente preavvisando il pubblico delle
immagini crude che saranno proiettate. Per le proiezioni in strada è
disponibile una versione leggermente più corta.

Invitiamo tutti a diffonderlo on-line, ai tavoli informativi, in
proiezioni pubbliche, ecc. NON e' adatto alla proiezione nelle scuole,
perche' e' molto cruento.

Durata: 25 min.
Prodotto da: AgireOra Edizioni nel 2010 - www.agireoraedizioni.org
Credits: si ringraziano, per le immagini fornite: Animal Aid, Animal
Place, Mariangela Bacchettoni, EarthView Productions, Igualdad Animal,
Adonella Marena, Mercy for Animals, Peta.
Avatar utente
Paolo XL
Moderatore
 
Msg.: 466
Iscritto il: sabato 19 dicembre 2009, 18:09

Torna a Video animalisti

Chi c’è in linea
Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite