L'ultimo anno a Cromer

Uno strumento semplice per riequilibrare emozioni e ritrovare armonia

Moderatore: vale.

L'ultimo anno a Cromer - mercoledì 7 agosto 2013, 19:43 da vale.
(...)

Egli aveva comunque già elaborato quali sarebbero state le tipologie e gli stati mentali corrispondenti agli ultimi tre rimedi e sapeva anche da quali alberi sarebbero stati estratti: era necessario un rimedio che desse una motivazione cosciente e definita a quelle persone nelle quali l'ambizione e il desiderio di migliorare, e vivere pienamente la vita, erano mancanti, deboli o incerti.

L'esperienza e la sua grande conoscenza della natura umana l'avevano infatti convinto che una finalità ben precisa, un appassionato interesse in qualcosa, l'attenta partecipazione alla vita in genere fossero vitali per la felicità e la salute di ogni individuo; quindi era di grande importanza trovare un rimedio con queste caratteristiche.

Moltissime persone non hanno alcun interesse per la vita quotidiana: sono annoiate, vivono in uno stato di torpore e poiché spesso svolgono lavori non congeniali, fanno il loro dovere meccanicamente; questo stato mentale ad un certo punto danneggia inevitabilmente la salute e indebolisce vitalità e forza. La mancanza di interessi e di positività non é solo un problema degli anziani ma anche dei giovani; molte persone infatti, pur avendo ambizioni e ideali che sanno di poter realizzare, si fanno a volte fuorviare , oppure sono incerte sulle decisioni da prendere e si lasciano convincere dagli altri o dalle circostanze a vivere una vita per loro vuota di ogni interesse o significato.

Quando questo tipo di persona si ammala non si sforza di guarire perché non ha incentivi e questa mancanza di cooperazione e di desiderio di migliorare é in effetti un grosso ostacolo alla guarigione.

Non era ancora stata trovata una medicina in grado di aiutare queste persone.

La pianta che conteneva le proprietà medicinali necessarie - secondo Bach - sarebbe stata l'Avena selvatica (Wild Oat).

L'altro rimedio che Bach desiderava preparare sarebbe stato utile a quelle persone che vivono pienamente la loro esistenza ma che - esaurite e indebolite dalle difficoltà e dalla sofferenza - non hanno più la forza necessaria per andare avanti. Bach dimostrò che il fiore dell'Olivo (Olive) contiene la vita, il calore e la forza necessarie per restituire energia a tali persone e riportarle in salute.

Infine, il rimedio per le persone precise, capaci, che conoscono e realizzano le loro ambizioni, che fanno molte esperienze e che - essendo sicure di se stesse in tutto - tendono a voler persuadere gli altri a seguire il loro esempio. Per questa tipologia é adatto il fiore della vite (Vine).

Affinché le proprietà medicinali di Olive e Vine venissero estratte dalle piante e dagli alberi cresciuti nel loro habitat naturale all'aria aperta, Bach scrisse ad alcuni amici in Svizzera e Italia, chiedendo loro di preparare questi fiori con il metodo del sole;
poco dopo ricevette le soluzioni di base di Vine dalla Svizzera e di Vine e Olive dall'Italia.

Bach trovò Wild Oat (Bromus Asper) che cresceva lungo i bordi delle strade l'aprile seguente quando, lasciata Cromer, si trasferì nel piccolo villaggio di Sotwell nel Berkshire e ne preparò i fiori in una giornata di maggio senza nubi.

Tratto da: La vita e le scoperte di Edward Bach, di Nora Weeks.
Avatar utente
vale.
utente senior
 
Msg.: 351
Iscritto il: giovedì 2 febbraio 2012, 15:35

Torna a Fiori di Bach

Chi c’è in linea
Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite