Ieri sera mi sono fatta male...

Uno strumento semplice per riequilibrare emozioni e ritrovare armonia

Moderatore: vale.

Ieri sera mi sono fatta male... - lunedì 9 giugno 2014, 16:06 da vale.
Ieri sera mi sono fatta male.

Per me é un avvenimento.
Non mi faccio male seriamente da anni, forse da decenni, in effetti non ricordo l'ultima volta che accadde. Ho messo male il piede sinistro sulla fine dello zerbino davanti casa, la ciabatta ha ceduto e il piede l'ha seguita con tre o quattro sinistri "crack, crack" che penso abbiano riguardato i tendini.
Naturalmente incredula - "ma no, dai, non é niente" - dopo un attimo, col piede oramai fuori uso ho dovuto dare una voce a mio marito: "vieni Di, mi sono fatta male!"
Seduta a terra ero in attesa che il dolore diventasse meno forte, per capire almeno che razza di natura potesse avere il danno. Il piede nel mentre comincia (giustamente) a reagire all'offesa gonfiandosi e organizzando un bozzo del volume di un mandarino tra l'osso della caviglia e il fronte del piede. Non é tutto: comincia a cambiare di colore e il dolore aumenta...

Vediamo quindi l'utilizzo pratico dei Fiori di Bach su di me, nel momento del bisogno.

Prima di tutto, a mente fredda, ho imparato una lezione: non si puó (e non si deve) lavorare oltre le proprie forze, anche se c'è molto da fare, perché ad un certo momento l'organismo é stanco, é meno attento, e rischia di fare degli errori di disattenzione. Quindi, la prossima volta che ho molto da fare e sono in uno stato Oak/Vervain, non arriveró stanchissima a sera (dalla mattina alle nove!) ma mi prenderó nel pomeriggio due gocce di Oak e due di Vervain di modo da riequilibrare ogni e possibile desiderio di portare a termine l'impossibile, coi rischi del caso. :rana:

Torniamo al danno.

Mio marito recupera la Rescue Cream dalla mia borsa e metto un primo strato di crema.
Il dolore si attenua, riesco ad alzarmi e rientrare in casa; poi impacco di argilla e olio essenziale di zenzero, per venti minuti. Dopo averlo tolto ci rimetto la crema del Dottore.
Nel mentre bevo un pochino d'acqua e cloruro di magnesio (un forte antinfiammatorio) e penso ai miei Fiori ... Dunque ... Che cosa mi serve adesso?
Star of Bethlehem per lo shock, Rock Rose per l'urgenza, Vervain per lo stato di tensione e per il lato del mio carattere che non si arrende, Oak per quell'altro lato del mio carattere che lavora sino allo sfinimento. Benissimo, preparo un bicchiere con due gocce di ogni fiore e lo sorseggio.

Mentre vado con le stampelle verso la camera da letto non riesco a non chiudere cassetti, porte, ante dell'armadio: penso "accidenti! é il momento di aggiungere anche Crab Apple!" (ricordate? Il rimedio per la troppa precisione).
E sollevando l'arto ferito su un cuscinone ne mi metto a letto.
Il dolore si é attenuato e riesco ad addormentarmi.

Stamattina il piede é ancora dolorante ma piú sgonfio.
Riesco a muovere le dita. Ho provato a poggiarlo a terra, ci sta, ma ancora non regge il peso del corpo e allora ... Due gocce di Impatiens! Devo lasciargli tempo, sto andando troppo veloce!
:-)

I Fiori sono tremendamente utili.
L'importante é non scoraggiarsi e pensarci quando ne abbiamo bisogno, proprio in quel momento li, eventualmente in aggiunta alle altre buone pratiche, di modo che possano anche lavorare in sinergia.

Ciao, :mukka:
Valeria

P.s. Per quanti di voi si stanno chiedendo perché non sono andata a farmi fare una lastra ... Esattamente non lo so, forse é perché sapevo cosa potevo fare, forse non era allettante passare la notte dolorante su una barella in un pronto soccoro affollato e sotto organico come quello di Anzio, forse ho realizzato che potevo cavarmela da me e ho solo seguito il mio istinto. :stella:
Avatar utente
vale.
utente senior
 
Msg.: 351
Iscritto il: giovedì 2 febbraio 2012, 15:35

Re: Ieri sera mi sono fatta male... - domenica 15 giugno 2014, 14:42 da vale.
Aggiornamento:

Dopo un primo momento di emergenza, da giovedì sono riuscita a camminare, lentamente, con le stampelle, ma almeno non ero piú a letto.
Naturalmente, accanto alle pratiche fisiche (Rescue Cream e riposo) ho avuto bisogno di un nuovo mix di Fiori, questi:
Aspen, per le mie paure vaghe, paure a cui non sapevo dare spiegazione, quella sorta di sensazione che potesse accadere qualcosa di brutto da un momento all'altro;
Scleranthus per l'incedere incerto, il non sapere bene dove posare i piedi;
Mimulus invece per la paura di farmi di male nello stesso mettendo nuovamente il piede male;
E infine Olive, perché nono stante fossi stata a riposo ero stanchissima e avevo i muscoli indolenziti, come dopo una camminata.

Oggi é domenica, ieri sono uscita per la prima volta senza stampelle.
Il piede non é del tutto sgonfio, l'articolazione é ancora provata, il formicolio alle dita talvolta riappare, credo ci vorrá qualche tempo, anche per l'edema.
Continuo con la Rescue Cream ma per il resto ... É passato!
:oca:

Ciao,

p.s. e comunque appena posso vado a fare una lastra, per capire cos'é successo.
:cat:
Avatar utente
vale.
utente senior
 
Msg.: 351
Iscritto il: giovedì 2 febbraio 2012, 15:35


Torna a Fiori di Bach

Chi c’è in linea
Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite