rigenerazione neuronale

Un rimedio a ogni male, purché sia naturale: medicina complementare, cure naturali...
rigenerazione neuronale - lunedì 19 dicembre 2011, 13:43 da stefiboh
Non so se è il posto giusto, ma eravamo super OT :-D

Mi sono sicuramente spiegata male, Io mi riferivo, ad esempio, a questo:

http://www.edscuola.it/archivio/lre/cervello_cresce.htm

:-)
Avatar utente
stefiboh
utente senior
 
Msg.: 868
Iscritto il: sabato 24 maggio 2008, 22:46
Località: NOVARA

Re: rigenerazione neuronale - lunedì 19 dicembre 2011, 13:57 da seitanterzo
stefiboh ha scritto: Non so se è il posto giusto, ma eravamo super OT :-D

Altrimenti al posto del topic di Minimoglie avremmo dovuto fare quello di Stainer e ci sarebbe toccato pure allattarlo... :lol:

stefiboh ha scritto:Mi sono sicuramente spiegata male, Io mi riferivo, ad esempio, a questo:

http://www.edscuola.it/archivio/lre/cervello_cresce.htm

:-)

Sì, un bell'articolo! Infatti le reti neuronali sono in continua degradazione e rigenerazione per tutta la vita, per ogni nuovo apprendimento vengono create altre connessioni neurologiche che rendono naturale la nuova abilità acquisita. Con il tempo questo meccanismo comincia a rallentare, a volte contrastato dalle malattie senili.
seitanterzo
utente senior
 
Msg.: 2462
Iscritto il: martedì 20 giugno 2006, 1:15
Località: Roma

Re: rigenerazione neuronale - lunedì 19 dicembre 2011, 15:44 da MiniMoglie
Pur avendo studiato neuroanatomia non entro nel merito delle teorie neuronali perché secondo me l'argomento è complicatissimo.
Diciamo che in teoria come per le cellule muscolari non c'è un aumento del numero delle cellule bensì una rimodulazione delle stesse, e che è possibile, partendo da cellule staminali "di scorta" che il nostro organismo si tiene ricostruire cellule danneggiate - parrebbe però trattarsi solo di cellule del SNP.

Torno invece sul dibattito antroposofia spicciola (spicciol aperché io per prima pure qui non ho le basi, ho solo le mie sensazioni di mamma :) )

Stefi, l'idea secondo cui fino ad una certa età le energie del bambino aspirano ad essere orientate verso un'attività pratica è secondo me eccellente. Anche noi nel nostro piccolo ad esempio quasi non abbiamo giochi in casa, perché mi spiace costringerlo in un percorso già deciso da altri e molto sedentario.
Per cui invece ci rincorriamo, saltiamo, ci prendiamo a cuscinate, ci nascondiamo, facciamo travasi con l'acqua, usciamo fori a esplorare il mondo, cuciniamo assieme (sè - io cucino lui pasticcia), facciamo torri di sassi, di scarpe e di pentole...
Ma mio figlio ad esempio è anche rapito letteralmente dalla lettura e dalla scrittura. Appena vede un tavolino alla sa altezza ci chiede "chilele" (scrivere) e scrive lui e vuole che scriviamo anche noi, ci dice le parole e guarda affascinato le lettere.
E appena vede un libro lo sfoglia, guarda le figura, ci costruisce dei discorsi sopra, poi fa finta di leggere o vuole che tu gli legga ("chetto chi?" - questo qui? - chiede, indicando le parole, e guardando con sommo interesse quello che tu riesci a tirar fuori da quel gruppo di segni).
Io penso che se questa è la sua strada, sarebbe comunque ingiusto togliergli questa parte di interesse fino ai sette anni.
Io ad esempio ero estremamente cerebrale. Se mi avessero mandato in una scuola solo fisica sarei morta: io già da bambina MORIVO davanti a un libro, un testo scritto, qualcosa da leggere. E sono SEMPRE rimasta così. E i miei genitori, poveri ex contadini non proprio colti, non mi hanno certo spinto sull'argomento, anzi....
MiniMoglie
junior
 
Msg.: 82
Iscritto il: martedì 9 agosto 2011, 14:30

Re: rigenerazione neuronale - lunedì 19 dicembre 2011, 20:40 da stefiboh
Per quanto riguarda i neuroni, ho trovato anche riferimenti al SNC e a possibili cure per l'alzheimer, come dici tu, partendo da cellule staminali "di scorta". sono però studi nuovi, lo scopriremo prima o poi :-D

Per le inclinazioni dei bambini: sono assolutamente d'accordo con te, io stessa sono sempre stata molto cerebrale e così è nicolò. I bimbi sono molto curiosi di natura e i miei abituati a sentirsi leggere storie. Sono comunque fasi che attraversano. Nicolò più o meno all'età del tuo aveva il suo stesso interesse per la scrittura, che è ritornato ora (quello per i racconti delle storie è sempre stato altissimo), il piccolo, invece chiede ora a due anni e mezzo "cosa c'è scritto?", prima mai. Rispondere alle loro domande è fondamentale secondo me. :-)
Avatar utente
stefiboh
utente senior
 
Msg.: 868
Iscritto il: sabato 24 maggio 2008, 22:46
Località: NOVARA


Torna a L'altra medicina

Chi c’è in linea
Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti