Marinella Correggia - "La rivoluzione dei dettagli"

Chi fa da sé fa per te: autoproduzione, riutilizzo, riparazioni, decrescita...

Moderatore: mammafelice

“Produciamo quello che consumiamo” fu uno degli slogan della rivoluzione guidata dal presidente Sankara in Burkina Faso negli anni ottanta. Se caliamo questa lontana realtà alla nostra quotidianità, potremmo dire: “Produciamo almeno una parte di quei beni e servizi che consumiamo”. Certo non siamo in un paese povero come il Burkina Faso. Tuttavia, è ancora lunga la lista di ciò che perfino in città una persona può produrre da sé, parzialmente dissociandosi dallo sfruttamento del lavoro e dell’ambiente. Parliamo di spicchi marginali? Forse no. La studiosa Hazel Handerson raffigura l’intera economia umana come una torta a tre strati. Ai primi due non è attribuito valore monetario, eppure reggono il terzo. Lo strato di base è l’economia di madre natura, ovvero la base di risorse naturali; il secondo è l’economia informale o sociale, centrata sul dono e comprende: il fai da te nelle sue molteplici forme, le strutture comunitarie e familiari, il governo della casa, le cure parentali, il volontariato, il baratto, l’aiuto reciproco, la produzione casalinga per l’uso, l’agricoltura di sussistenza. Come si vede, un mix di servizi offerti gratuitamente, e di produzioni materiali fuori dal circuito di compravendita. Metà della torta produttiva, per la Handerson, non ha valore monetario. Gli strati superiori, monetizzati, sono il settore pubblico con valore monetario (infrastrutture e servizi) sul quale poggia la produzione privata, il consumo, gli investimenti, i risparmi. Se alcune possibilità di autoproduzione di beni e servizi sono ben note e “automatiche” (cucinare, pulire casa, il bricolage spiccio), altre sono meno note, soprattutto fra i “cittadini” che non hanno attrezzi né terra a disposizione. Eppure, i margini di autoproduzione sono ampi e riappropriarsene significa sottrarre cellule al mercato e contribuire a riequilibrare una realtà in cui la produzione materiale è concentrata in poche affaticate mani, oppure richiede un insostenibile apporto di energia fossile per i macchinari e i sistemi di produzione. Questo manuale si rivolge agli individui ma cerca anche risposte collettive, nel senso che vuole ispirare e aiutare comportamenti attraverso dettagli pratici e imitabili della conversione ecologico-sociale, ma anche empatica (rispettosa dei viventi) e autogestita.

Fonte: http://www.university.it/notizie/vedi_n ... IZIA=28727
Avatar utente
Daniele
utente senior
 
Msg.: 4940
Iscritto il: giovedì 13 aprile 2006, 9:56
Località: Bagheria(PA)

- lunedì 16 aprile 2007, 14:42 da beavegan
Io non vedo l'ora di leggerlo, ma ho lista altri libri (di cui uno iniziato da un mese e non ancora finito :oops: )... Alla fiera a Milano c'era ma ho resistito all'acquisto, dovrei averne una copia in regalo da Marinella a fine mese! :D .... quindi entro 3 mesi spero di riuscire a dare un parere sul libro! :oops:
Immagine
Muuu
Bea

il mio blog: http://veganshakti.blogspot.com/
Sii il cambiamento che vorresti nel mondo (Gandhi)
Avatar utente
beavegan
utente senior
 
Msg.: 1094
Iscritto il: venerdì 26 maggio 2006, 16:53

Io l'ho letto da poco, BELLO BELLO BELLO ! profondo nei significati ma anche pratico e utile nella vita di ogni giorno,
Fa riflettere molto , dovrebbero leggerlo anche nelle scuole.

Lo consiglio a tutti

Marta
Marta
Avatar utente
Marta
junior
 
Msg.: 45
Iscritto il: martedì 4 novembre 2008, 12:17
Località: friuli


Torna a Autoproduzioni

Chi c’è in linea
Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti
cron